Marco Chiantello DO MROI
Marco Chiantello DO MROI

Per appuntamenti e informazioni 02 8496 9939 oppure 334 65 25 401

e-mail m.chiant@gmail.com

Disturbi del sonno e irrequietezza

Ultimamente in studio sto vedendo molti bimbi con disturbi del sonno e irrequietezza. E’ un argomento difficile da trattare. Misurare una malattia è decisamente più semplice. Ci sono dei segni tangibili e riconoscibili dal pediatra e, anche nei casi più complessi ci sono molti modi di valutare e definire una malattia. Disturbi come l’irrequietezza o l’irritabilità sono piuttosto indefinibili.

 

Il pediatra può rendersi conto dell’irrequietezza del piccolo durante la visita, ma potrebbe trattarsi benissimo di un momento: il bimbo è irrequieto in quel momento come potrebbe esserlo qualunque altro bambino. I genitori potrebbero avere una soglia di tolleranza troppo bassa e quindi la definizione di bimbo irrequieto resterebbe comunque soggettiva.

 

Come stabilire il confine tra capriccio e irrequietezza? Nel frattempo la famiglia è messa sotto pressione, un piccolo con una sintomatologia non chiara, un comportamento difficile da ammettere, da spiegare e al quale trovare soluzione. Aumenta il disagio, il bimbo soffre, in qualche modo è disturbato e non ha altro modo per comunicare, i genitori soffrono per le arrabbiature che inevitabilmente si prendono e vivono un senso di inadeguatezza perché non riescono ad aiutare il proprio figlio. Poi in qualche modo sentono parlare di osteopatia: in genere tra le mamme che si incontrano ai nidi ce n’è una che ha portato il figlio dall’osteopata.


Nella mia piccola esperienza, ponendo le mani sul piccolo paziente osservo sempre qualche schema motorio che ha a che fare con un evento traumatico: il parto un po’ difficile, il travaglio molto lungo, la manovra di Kristeller, il cordone intorno al collo, il parto cesareo, ecc. Oppure mi riferisco a traumi indiretti come la vaccinazione o gli esiti una malattia importante.

 

L’esperienza palpatoria mi permette, attraverso la percezione del tono e del movimento inerente (intendo una motilità spontanea data dal prodotto dei movimenti determinati dallo scorrere del sangue, dal respiro, dall’attività elettrica del sistema nervoso, dagli scambi cellulari, dalla peristalsi, ecc…) di rendermi conto di una situazione disfunzionale, con la quale riesco ad interagire per ricondurre l’organismo ad una funzione più equilibrataQuello che succede in termini fisiologici durante il mio trattamento è una riduzione dell’ortosimpaticotonia ovvero quella situazione nervosa, per dirla un soldoni, che ci fa maggiormente irrigidire.


Il trattamento consiste in piccoli tocchi, di solito alla base della testa, o a livello dell’osso sacro, o ponendo due dita agli estremi del piccolo (la parte alta della testa e il coccige), o al torace… Durante la seduta si creano situazioni differenti, a volte il piccolo piange forte, a volte giocherella tranquillo, a volte cade in un sonno profondo…

 

Secondo la mia esperienza e anche da quello che mi riferiscono i pediatri con cui collaboro, il trattamento osteopatico del neonato e del bimbo è estremamente importante, perché è in grado di potenziare quelle caratteristiche autocorrettive che nel neonato e nel bimbo sono particolarmente forti, che per qualche ragione sono inibite ed hanno bisogno di un aiuto esterno.

Professione

Osteopatia

Sono Osteopata! Inutile dirlo, è la mia passione, aiutare le persone a riconciliarsi con la salute. Un lavoro che mi appaga e mi appassiona, lo faccio ormai da circa 17 anni, semplicemente, usando le mani, la testa e il cuore. Uno dei miei mentori, Rollin Becker, diceva “life in motion”…la vita in movimento, un continuo respirare del corpo, dei suoi tessuti, delle sue cellule, la vita in ogni respiro.

Formazione

Insegno osteopatia e organizzo corsi Post Graduate. L'insegnamento è nato in parallelo alla mia vita da osteopata, un po’ per vocazione, un po’ per passione, anni fa ero un insegnante di judo…. Ormai da 17 anni assisto e fornisco il mio contributo a nuove generazioni di osteopati che nel corso degli anni condividono al mia stessa scelta di vita.

Informazioni

OSTEOPATA dal 2002, iscritto al Registo degli Osteopati d’Italia (ROI), FISIOTERAPISTA dal 1995, ho collaborato per 4 anni con la Federazione Italiana Di Atletica Leggera (FIDAL), DOCENTE di osteopatia da 14 anni circa in scuole riconosciute dal ROI, ho insegnato al Master di Riabilitazione Sportiva e Rieducazione del Gesto Atletico.

Per appuntamenti e informazioni 

02 8496 9939

334 65 25 401

m.chiant@gmail.com

Ricevo a:

Milano

Sede centrale

Advanced Osteopathy Clinic

Via San Siro 7

 

Pavia

Presso RemiseenForme Center

Via Montebello d.B. 4

Roncaro

Via Sant'Agata 2A

 

Somma Lombardo (VA)

Presso Studio O2 Osteopatia Somma

Via Vignola 30

 

 

StampaStampa | Mappa del sito

© Marco Chiantello numero tessera ROI 497 - Via S.Agata 2/A 27010 Roncaro PV - Professionista ai sensi della legge n. 4 del 14 gennaio 2013